Microbiota intestinale: impariamo a conoscerlo
maggio 15, 2017
Curarsi a tavola: scopri la rapa rossa
maggio 19, 2017

Thuja Occidentalis: utilizzo in Omeopatia

Breve guida alle caratteristiche di Thuja e al suo utilizzo in Omeopatia.

 

Classificazione botanica

Thuja Occidentalis è il cedro bianco ed è anche chiamata arbor vitae, albero della vita. E’ una conifera della famiglia delle Cupressaceae (di cui fa parte anche il cipresso). Si tratta di un albero sempreverde con la chioma piramidale. Originaria del nord America e del Canada, fu introdotta in Europa nel secolo scorso a scopo ornamentale. Si adatta con facilità ai climi freddi, predilige terreni calcarei e argillosi e tollera discretamente gli ambienti urbani.

Tossicologia

Il nome Thuja deriva dal greco e significa purificare con profumi,  dal momento che in tempi antichi questo tipo di legno proprio per il suo profumo così aromatico veniva bruciato durante i sacrifici. Per queste sue proprietà, Thuja era inoltre utilizzata dagli antichi Egizi durante le procedure di imbalsamazione e dagli Indiani d’America per curare malaria, tosse, gotta e reumatismi. In particolare le foglie e i rami venivano bollite nel lardo e la soluzione così ottenuta veniva fatta bere per alleviare dolori articolari e muscolari. E’ documentato l’uso dell’olio essenziale di Thuja per combattere le verruche, perché l’olio è marcatamente virostatico.
Nota: L’uso interno dell’olio essenziale della pianta in dosi non omeopatiche è da sconsigliare in quanto si tratta di un olio estremamente tossico.

Utilizzo in Omeopatia

Il rimedio omeopatico è ottenuto dalle foglie e dai rami raccolti durante il periodo di fioritura della pianta, sminuzzati, tritati, lasciati a riposare in alcol e poi filtrati. Ottenuta così la tintura madre si procede poi alla diluizione e dinamizzazione.

Caratteristiche generali

Indicato in persone con costituzione idrogenoide, con difficoltà, cioè, ad eliminare liquidi e tossine che tendono quindi ad accumularsi determinando:

  • produzione di abbondante quantità di muco a livello delle mucose (respiratoria, intestinale, genitourinaria),
  • ritenzione di liquidi nel tessuto adiposo (obesità, cellulite),
  • accumulo a livello di pelle mucose con formazione di escrescenze come polipi, verruche e condilomi

La persona che può beneficiare di Thuja spesso soffre di una marcata mancanza di autostima. Questo porta ad investire molte energie nel mostrare al mondo un’immagine piacevole e rispondente alle aspettative che può portare ad atteggiamenti di riservatezza o anche inganno.

Può essere indicato per i seguenti disturbi:

  • Disturbi gastrointestinali: sindrome dell’intestino irritabile, importante meteorismo intestinale, poliposi intestinale, flatulenza, distensione addominale, spesso secondari ad un’alterazione della flora batterica.
  • Disturbi genito-urinari: infezioni croniche di tipo suppurativo (per es. gonorrea, balaniti, cistiti), papillomi, condilomi, ipertrofia prostatica, fibromi  e polipi uterini, sindrome dell’ovaio policistico, frequenti infezioni da candida, cisti ovariche.
  • Malattie cutanee: cellulite, eruzioni cutanee diffuse soprattutto in zone coperte, verruche caratteristiche di Thuja sono con aspetto peduncolato, molli al contatto, polpose, molto sensibili, bruciano, pungono e sanguinano facilmente anche al solo strofinio dei vestiti
  • Malattie respiratorie: allergia, poliposi nasale, infezioni ricorrenti alle vie respiratorie con abbondante produzione di catarro.
  • Insonnia: sonno molto disturbato, spesso con risvegli alle 3 di notte e incapacità di riaddormentarsi.

Bibliografia:
Morrison R, Manuale guida ai sintomi chiave e di conferma, Bruno Galeazzi Editore, 1998
Boericke W, Materia Medica Omeopatica, Editore H.M.S., 1998

 

Le informazioni di argomento medico fornite in questo sito (www.studiomeopatico.it)  sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto in alcun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire la consulenza da parte di un medico abilitato. Per ulteriori informazioni vedi disclaimer completo.